Ente Culturale di Ricerca, Formazione e Rappresentanza Professionale in Naturopatia e Discipline Olistiche per la Salute

(Attività svolta ai sensi della Legge 14 Gennaio 2013 n.4)
Piano di studi e programmi
Accademia di Naturopatia
FIGURA PROFESSIONALE NATUROPATA
Compiti e Attività specifiche
CORSO DI STUDI DI NATUROPATIA
Nuovo piano formativo triennale.
Programmi e Materie di Studio
Elenco materie e programmi.

Piano di studi e programmi Accademia di Naturopatia

A seguito dell’entrata in vigore della legge 14 gennaio 2013 n.4 e la conseguente emanazione della Norma UNI 11491:2013 entrata in vigore il 6 giugno del 2013, la Professione del Naturopata e il relativo percorso formativo hanno avuto una regolamentazione anche in Italia. Le norme di riferimento di cui sopra sono state il frutto di più di 20 anni di dure lotte istituzionali e socio -culturali del Sindacato Sinape-Cisl, affianco del quale dal 2004, l’Accademia delle Culture e Scienze Alternative ha oltremodo lottato e sostenuto, sia a livello nazionale , che locale per una regolamentazione del settore ma soprattutto per una accettazione e informazione culturale corretta e scevra di preconcetti in molti casi fantasiosi! Come dicevo sopra dal 2013 sono in vigore norme e leggi che ci dicono con chiarezza il ruolo e quindi il percorso formativo del Naturopata, a tal proposito l’Accademia delle Culture e Scienze Alternative – Paracelso- attraverso il contributo del proprio Comitato Scientifico ha avviato un processo di revisione del piano di studi in Naturopatia per conformarlo alle disposizioni di legge. Il presente documento costituisce quindi il Nuovo Piano di Studi ( NPS-ACSA) che entrerà in vigore a partire dall’anno accademico 2015\2016 , per gli iscritti al secondo e terzo anno saranno previsti una serie di momenti formativi collaterali per poter comunque colmare le normali lacune formative venutesi a creare per forza maggiore.

Il Presidente
Prof. Gianni De Paola

Compiti e Attività specifiche della figura professionale del Naturopata

Generalità
Compito del naturopata è contribuire al miglioramento della qualità della vita delle persone, operando al fine di mantenere e\o ristabilire il loro stato di salute inteso nella sua globalità e considerando l’individuo come entità indivisibile sul piano fisico, energetico, psicoemotivo e spirituale. Egli si avvale di tecniche specifiche per coadiuvare i processi fisiologici naturali, stimolare la forza vitale, assecondare la spontanea capacità dell’organismo di autoregolarsi per raggiungere l’omeostasi. Considerati gli aspetti costituzionali e famigliari dell’individuo, le influenze ambientali e sociali, il naturopata si adopera, inoltre, per favorire le capacità della persona di ripristinare il suo equilibrio sistemico. Per svolgere i propri compiti il naturopata opera in autonomia e indipendenza professionale e può collaborare in modo sinergico con le figure sanitarie e gli operatori della salute, fornendo consulenze al cliente ed assumendo un ruolo di primaria importanza nell’integrazione con eventuali altri approcci.
Il naturopata utilizza tecniche e discipline naturali ed energetiche, consiglia rimedi salutistici, propone cambiamenti favorevoli dello stile di vita, dell’alimentazione e delle relazioni con l’ambiente circostante, pratica trattam,enti manuali e\o con supporti bioelettronici, che stimolano le capacità reattive della persona.
L’ambito di lavoro del naturopata risiede nelle aree non mediche, non rientrando nel suo campo di intervento nè la diagnosi e cura di patologie, nè la prognosi, nè la prescrizione di farmaci. Il naturopata considera elemento fondamentale per la sua attività la piena responsabilità. Consapevolezza e partecipazione del cliente e ha il dovere dell’aggiornamento e della formazione professionale permanente, onde garantire il continuo adeguamento delle sue conoscenze e competenze.
L’attività del naturopata si esplica nei settori fondamentali di seguito elencati:
1. Valutazione non nosologica dello stato generale dell’utente attraverso: classificazione costituzionale e di terreno, kinesiologia applicata, iridologia, strumenti bioelettronici, ecc.
2. Igiene ed educazione, in ambito personale e in ambito collettivo e ambientale.
3. Consiglio di rimedi e consulenza sull’impiego di preparati, integratori alimentari, prodotti con qualità salutistiche previsti dal D.lgs. N° 169 del 21\05\2004. I consigli non riguardano medicinali e farmaci.
( Fonte: Cfr. Art. 4, 4.1 e 4.2 UNI 11491:2013)

Aree di apprendimento formale e non formale
1. Area delle conoscenze scientifiche di base: – fisica, chimica e biochimica; – biologia, embriologia; – anatomia; – fisiologia; – alterazioni funzionali umane; – farmacodinamica dei principi attivi naturali; – elementi di Psicologia generale e della relazione; – antropologia fisica e culturale e scienze dell’uomo;
2. Area delle conoscenze caratterizzanti e specialistiche: – biotipologie e costituzioni – iridologia – kinesiologia – nutrizione, alimentazione naturale e tecniche di riequilibrio alimentare – aromaterapia – fitocomplementi e gemmoderivati – rimedi floreali – oligoelementi e diatesi – spagiria – riflessologie – igienistica e naturoigienismo ( idro-termo-fango trattam,enti, ecc..) – fisiognomica – morfopsicologia – naturopatia di risonanza ( colori, aromi, musica, cristalli, ecc..) – metodi di riequilibrio energetico e di stimolazione cognitiva , comportamentale e sensoriale – geobiologia, geopatia, Feng Shui – decodifica biologica, simbolica e archetipale del corpo umano – riequilibrio posturale – tecniche di movimento corporeo – tecniche di comunicazione – tecniche di trattamento manuale energetico ( tuina, shiatsu, digitopressione, ecc) – tecniche di meditazione, respirazione , visualizzazione e rilassamento – fondamenti delle medicine tradizionali e popolari – istituzioni di naturopatia – naturopatia applicata – tecniche e strumenti di valutazione naturopatica – fondamenti delle medicine energetiche ( mtc, ayurvedica, omeopatica, antroposofica, omeosinergetica, ecc) – storia e filosofia della naturopatia.
3. Area delle conoscenze integrative-complementari: – inglese scientifico – primo soccorso – legislazione applicata – deontologia – etica e bioetica – management naturopatico.

( Fonte: Cfr. Art. 4, 4.1, 4.2 e 4.3 – UNI 11491:2013)

Corso di Studi di Naturopatia Nuovo Piano Formativo Triennale

Alla luce delle recenti norme che hanno interessato l’ambito professionale del Naturopata ( L.4\2013, Norma UNI 11491:2013), si è reso necessario un’adeguamento del piano formativo che a partire dall’Anno Accademico 2015\2016 è strutturato nel seguente modo:

1° A.A.

Istituzioni di Naturopatia

Elementi di chimica

Elementi di biologia e embriologia umana

Fondamenti di anatomia e fisiologia umana

Fondamenti delle medicine energetiche

Rimedi floreali

Elementi di psicologia generale

Fondamenti di Antropologia e scienze dell’uomo

2° A.A.

Biochimica

Nutrizione, alimentazione e tecniche di riequilibrio alimentare

Igienistica e naturoigienismo

Fitocomplementi e gemmoderivati

Aromatologia

Fondamenti di Riflessologie ( riflessologia plantare, palmare e auricolare)

3° A.A.

Biotipologie e costituzioni

Naturopatia di risonanza ( Cromologia, suoni e cristalli)

Fondamenti di iridologia

Oligoelementi e diatesi

Feng shui

Fisiognomica e CNV

Legislazione e Deontologia

Naturopatia applicata

Seminari e corsi area conoscenze integrative- complementari:

ReiKi I°Livello

I messaggi di Ondine – Il miracolo dell’acqua-

ReiKi II° livello

Inglese scientifico

Pronto soccorso

Etica e Bioetica

Decodifica biologica, simbolica e archetipale del corpo umano.

Management naturopatico

Specializzazioni post Diploma ( 4° anno)

Iridologia

Operatore M.O.N.

Tecniche shiatsu Namikoshi

Rimedi Floreali

Riflessologie ( Plantare, Palmare auricolare)

Pranopratica

Posturologia

Programmi di Studio

Istituzioni di Naturopatia

Docente:

Il Naturopata e la Naturopatia; Storia e filosofia della naturopatia; principi e canoni della naturopatia.

Chimica

Docente:

La materia; l’atomo; il sistema periodico; Il legame chimico; Ossido-riduzioni; Ossidi, idruri,idrossidi,acidi,sali; Acidi e basi. Il ph.

La chimica del carbonio; Classi di composti organici; Gruppi Funzionali; Composti aromatici;

Eco-biologia

Docente:

Ecologia come scienza dell’ambiente; la catena alimentare; la biosfera.\ la cellula umana, struttura e funzioni.

Embriologia

Docente: 

Definizione di sviluppo embrionale; riproduzione e sessualità; la gametogenesi; contenuto genetico aploide e diploide; la meiosi; spermatogenesi; ovogenesi; Fecondazione; sviluppo embrionale; Annessi embrionali e loro sviluppo.

Anatomia\fisiologia e alterazioni funzionali umane: Docente:

Struttura generale corpo umano; – Apparato circolatorio: il cuore, ( struttura anatomica e funzione) , il grande e piccolo circolo, i vasi sanguigni ( tipologia, struttura e funzione) – Apparato respiratorio: organi e funzioni – Apparato digerente: organi e funzioni – Il Sistema endocrino: ghiandole endocrine\esocrine; gli ormoni principali e loro funzioni. – Sistema nervoso: centrale e periferico; autonomo( parasimpatico, simpatico e impulso nervoso); i neuroni; i nervi.

Apparato escretore – Sistema uditivo – Pelle e annessi – Apparato genitale maschile e femminile – Apparato locomotore : ossa, muscoli, articolazioni.

Fondamenti delle medicine energetiche :

 

Fondamenti di MTC: origini; Caratteristiche dello Yin-yang; I cinque elementi; I meridiani; cause della malattia. Fondamenti di Ayurveda: cenni storici e filosofici; I Dosha; Le costituzioni ayurvediche. Omeopatia: concetto fondamentali; Spagiria: concetti fondamentali.

Rimedi floreali

 

Storia della floriterapia; Concetto di malattia secondo Edward Bach; La legge di risonanza; I 38 rimedi; altri rimedi floreali.

Elementi di psicologia generale e delle relazioni.

 

Elementi di psicologia generale del comportamento, funzioni psicologiche ( Percezione, emozione,motivazione, memoria, apprendimento, pensiero e linguaggio.)

Antropologia fisica e culturale

 

Elementi di antropologia culturale; Elementi di antropologia medica; Antropologia e CAM.

Biochimica

 

Struttura e funzione dei glucidi, lipidi, acidi nucleici. Il metabolismo energetico: catabolismo e anabolismo. Distribuzione tissutale glucosio ematico. La glicolisi, la glocogenesi e il metabolismo del glicogeno. Regolazione ormonale del metabolismo glucidico. Il metabolismo dei lipidi: trigliceridi, acidi grassi, colesterolo. Le proteine.

Nutrizione\tecniche di riequilibrio alimentare

 

Principi di nutrizione. Nutrizione naturopatica: il ruolo delle vitamine e dei minerali. Gli integratori alimentari. Metodi di riequilibrio alimentare.

Igienistica e naturoigienismo

 

Cos’è l’igienismo. Il digiuno. Idro-fango trattamenti. La medicina di Santa Ildegarda.

Fitocomplementi

 

Principi di erboristeria e botanica; le piante officinali; proprietà salutistiche e avvertenze; Farmacodinamica dei principi attivi naturali.

Aromatologia

e Gemmoderivati

 

Gemmoderivati: storia, e uso salutistico. Drenaggio naturopatico.

Oli essenziali: caratteristiche e uso salutistico.

Fondamenti di riflessologie

 

Principi di riflessologia generale; Elementi di riflessologia plantare, palmare e auricolare. Mappe e anatomia delle zone riflesse.

Biotipologie e costituzioni

 

Concetto di tipologia e costituzione. Costituzione carbonica, sulfurea, fosforica, fluorica. Concetto di diatesi. Miasmi e diatesi. Psora, sicosi, luesinismo, tubercolinismo.

Naturopatia di risonanza

 

La legge di risonanza. Principi di Cromologia. Principi di risonanza dei suoni, cristalli, oli essenziali, e simboli radionici.

Fondamenti di iridologia

 

Storia dell’iridologia. L’iridologia rinnovata: topografie iriche a confronto.

L’anello degli organi e i 12 settori irici. I segni irici fondamentali. La topografia anulare.

Oligoelementi e diatesi

 

Fondamenti storici. Gli oligoelementi e concetto di diatesi. Le quattro diatesi. La sindrome di disadattamento.

Feng shui

 

Origini storiche. Principali scuole sul feng shui. Il bagua. Feng shui applicato agli ambienti interni ed esterni. Fen shui e radiestesia. Nodi geopatogeni di Hartman. L’architettura e l’edilizia bioecologica e salutare.

Fisiognomica e CNV

 

Fisiognomica di Lombroso. Studio della fisiognomica pre-lombrosiana.

La comunicazione sotto il profilo sociale e psicologico. La comunicazione non verbale.

Legislazione e deontologia

 

Legislazione sulla figura professionale del naturopata nel mondo, nella Comunità Europea e in Italia. La legge 14 gennaio 2013 n.4. La norma UNI 11491:2013.

Le Associazioni professionali e il Codice Deontologico. Inquadramento fiscale del Naturopata professionista.

Naturopatia applicata

 

Valutazioni non nosologiche dello stato di salute:

– metodo MTC

– metodo riflessilogico plantare

– strumentazioni bioelettroniche

– il colloquio naturopatico valutativo.

Tirocinio pratico\esperienze

400 ore da effettuare presso strutture convenzionate e con modalità concordate con l’Accademia.