L’ALTRA SCIENZA 2 – La Preghiera (in allegato preghiera a S.Nicola)

L’ALTRA SCIENZA 2 – La Preghiera (in allegato preghiera a S.Nicola)

Questo articolo, è dedicato a chi cerca riparo, conforto e speranza e non sa’ dove trovarli!
Nei momenti in cui le ferite della vita squarciano i luoghi più reconditi del nostro animo, l’invito è ad entrare nel rifugio della bellezza, della benedizione e della preghiera. In quel luogo potrete dare un senso all’inspiegabile e trovare la forza che vi condurrà al coronamento di un altro giorno.

“Dentro di noi esistono forze selvagge e meravigliose”
( S. Francesco).

Con queste parole, San Francesco D’Assisi descrisse il mistero e il potere che convivono nell’animo di ciascun uomo, donna e bambino della terra. Con le parole del suo tempo Francesco ci ricorda che gli antichi definivano come la più grande forza dell’universo, il potere che ci unisce al cosmo, la “Preghiera”.
San Francesco disse semplicemente : “Il risultato della preghiera è la vita”. La preghiera ci dà vita, egli affermava, perché “irriga la terra e il cuore”.

Per migliaia di anni, i nostri predecessori ci hanno tramandato la conoscenza della preghiera, del perché funziona e dell’uso che ne possiamo fare. I nostri avi hanno affidato a templi imponenti e a tombe nascoste la potente forma di conoscenza insita nella preghiera. Ma il segreto non si cela nelle parole che compongono la preghiera; il reale potere che ci attende in essa, quando vi ricorriamo, sta in quello che George Gurdjieff scoprì nell’arco di una vita dedicata alla ricerca della verità. Dopo aver seguito per anni una serie di antichi indizi che lo condussero da un tempio all’altro e in numerosi villaggi dove incontrò molti maestri, si ritrovò in un monastero appartato nelle montagne del Medio Oriente, dove un grande maestro gli rivolse parole incoraggianti che diedero significato alla sua ricerca: “ Tu hai appena trovato le condizioni in cui il desiderio del tuo cuore può diventare la realtà del tuo essere”.

Per scatenare quindi, quelle che San Francesco aveva definito come le “forze meravigliose e selvagge” che risiedono in noi e per trovare le giuste condizioni in cui il desiderio più profondo del nostro cuore possa diventare realtà, dobbiamo comprendere il rapporto che intratteniamo con noi stessi, col mondo e con Dio.

Il nuovo Dizionario di Teologia Morale, dice che, la preghiera è una dimensione essenziale dell’esistenza cristiana e che su di essa la teologia ha sviluppato, nel corso del tempo un’ampia riflessione, circa l’obiettivo appunto della preghiera, che non deve chiudersi in un vuoto ritualismo, ma deve essere sorgente di decisioni morali.

A tal proposito, il reverendo Samuel Shoemaker, ha descritto il potere di trasformazione della preghiera con una singola e poetica frase:

“La preghiera può non cambiare il mondo, ma sicuramente cambia noi,
nel modo in cui affrontiamo le cose del mondo!”

Proprio nella situazione attuale, nella quale, la nostra Italia sta attraversando un duro attacco da parte del Covid-19, mi sono sentito di terminare questo articolo con una preghiera scritta da me, e ispiratami dalle molte che quotidianamente sono da sempre solito recitare, nella speranza che ci aiuti a cambiare il nostro stile di vita, e quindi ad essere meno vulnerabili ai virus……corona, egoismo, superbia, orgoglio, invidia…..ecc!!!!!

PREGHIERA A SAN NICOLA

San Nicola, vissuto tra il III e IV secolo, era un Vescovo greco dell’Asia Minore (attuale Turchia). Il suo culto si diffuse prima nella cristianità orientale, ma più tardi divenne molto popolare anche in quella occidentale, specialmente dopo la traslazione delle sue reliquie a Bari (1087). La Basilica è diventata meta continua di pellegrinaggi, provenienti da tutte le parti del mondo. Gli ortodossi, nonostante la divisione tra le due Chiese d’Oriente e d’Occidente, si sono sempre trovati a celebrare e pregare sulla tomba del Santo. Nel nuovo clima di apertura ecumenica instaurato dal Concilio Vaticano II, nella cripta è stata persino allestita una Cappella Ortodossa. Ora cattolici e ortodossi si incontrano spesso a Bari per lavorare insieme e pregare per il ristabilimento dell’unità, accomunati dall’unica fede in Cristo e dalla devozione a San Nicola.

O Dio che hai operato e continui ogni giorno ad
operare miracoli per mezzo di San Nicola
tuo glorioso confessore e Vescovo, ti preghiamo per i suoi meriti
e la sua intercessione,
aiuta chi tra noi vive la stessa fede in Cristo,
a non nasconderla, a non vergognarsene.
Anzi a costruire, in nome del Signore, rapporti giusti e veri con tutti,
ad avere una passione per l’uomo che ci induca a
condividerne le attese, le sofferenze e le speranze;
Aiuta chi tra noi non avesse ancora incontrato o avesse smarrito
lo splendido dono della fede a trovare,
nella propria umanità, quel desiderio di verità e di bene che
non è mai completamente spento nel cuore dell’uomo
creato a immagine di Dio.
Incoraggia tutti in questa nostra cara Italia,
al rispetto gli uni per gli altri, alla coscienza della propria dignità umana,
alla collaborazione sincera e costruttiva.
Intercedi o Santo Padre Nicola perché regni la pace, nella giustizia in tutta l’Italia!
Benedici le nostre famiglie, i bambini, gli anziani, i giovani.
Benedici i sacerdoti, i religiosi e le religiose e tutti quanti operano per il bene
di questa nazione,
benedici i responsabili della vita civica, benedici il lavoro di tutti noi: che sia per
il bene dell’uomo, non per renderlo schiavo!
Aiutaci ad essere degni e fieri del nome cristiano che portiamo impresso col carattere battesimale.
A gloria di Dio, benedetto nei secoli.
Amen.

Gianni De Paola – Naturopata

Related Posts